Mappa del Sito

CARMENGLORIA MORALES

Pittore, accademico dal 2021

Nata nel 1942 a Santiago del Cile, Carmengloria Morales è in Italia dal 1953. Ha vissuto a Milano (1953-1960), a Roma (1961-1976) e di nuovo a Milano, con lunghe parentesi a Londra e a New York; dal 1969 al 1989 ha insegnato discipline pittoriche nei licei artistici delle due città italiane. La sua prima personale risale al 1965, a Roma. Nel 1973 è presente alla X Quadriennale di Roma e al Museum of Philadelphia Civic Center. La produzione degli anni Settanta trova espressione nella serie dei Dittici, costituiti da due tele accostate, una interamente dipinta e l’altra lasciata allo stato grezzo. Dalla metà degli anni Ottanta ha dato inizio alla serie dei Tondi e ai Progetti di pale, opere nelle quali sono sempre più evidenti l’uso di un acceso cromatismo e l’interesse per il valore materico della pittura. Nel 1977 è invitata a Documenta 6 di Kassel. Negli anni Settanta partecipa alle principali rassegne sulla Pittura analitica e sulla Nuova Pittura tra cui Un futuro possibile. Nuova Pittura, Palazzo dei Diamanti, Ferrara (1973); Bilder ohne Bilder, Rheinisches Landesmuseum, Bonn (1977) e Abstraction Analytique. Fractures du monochrome au-jourd’hui en Europe, ARC 2 – Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris (1978). Sono inoltre da ricordare: Geplante Malerei, Westfälischer Kunstverein, Münster (1974), Radical painting, Williams College Museum of Art, Williamstown, MA (1984), Fundamental painting, Artline Galerie, Den Haag, Kunstverein, Arnsberg (1988), AbstraktDer Deutsche Künstlerbund in Dresden 1993, Militärhistorisches Museum, Dresden (1993), New York Abstract, CAC, New Orleans (1995), Le soglie della pittura. Francia Italia 1968 – 1998, Rocca Paolina, Perugia (1999), Unique Act, Dublin City Gallery The Hugh Lane, Dublin (2008); Pensare Pittura. Una linea internazionale di ricerca negli anni ’70, Museo d’arte contemporanea di Villa Croce, Genova (2009); Dialoghi d’-accanto, Magazzini di Palazzo Gatti e Studio Fontaine, Viterbo (2009); Collectors’ Choice, part II, ZKM, Museum für Neue Kunst, Karlsruhe (2009); Pensando pittura, a cura di Alberto Mugnaini, Anfiteatro Arte, Padova (2010); Le Rotte della Pittura. Sessant’anni di Astrazione Italiana dalla Collezione Garau, Museo Piaggio di Pontedera, Pisa (2013); Un'idea di pittura. Astrazione analitica in Italia 1972-1976, Casa Cavazzini - Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Udine (2015); Pittura Analitica. Ieri e oggi, Primo Marella Gallery, Milano (a cura di Alberto Fiz, catalogo); Au rendez-vous des amis, Palazzo Vitelli a Sant’Egidio, Città di Castello (2015); Pittura Analitica. Ieri e oggi. IIº, Primo Marella Gallery, Milano (2015); Artistes de la galerie, Galerie Arnaud Lefebvre, Paris ; The Silo, Garth Greenan Gallery, New York (2015);  Pittura Analitica. Ieri e oggi / Then and now, MazzoleniArt London-Torino, London (2016); Pittura Analitica. Ieri e oggi / Then and now, MazzoleniArt London-Torino, Torino (2017); Flug Blätter. Athen-Kassel-Venedig-Münster-Loitz, Kunstraum Peenetranz Künstler Gut Loitz e.V, Loitz an der Peene  (2017); The golden nightingale, Galleria Elm, Milano (2018); Flugblätter - Flying letters, mikawa-chou, maebashi, gunma, Japan (2018); Italia Moderna 1945-1975, Fondazione Pistoia Musei, Palazzo Buontalenti, Pistoia (2019); Olivier Mosset (Sala della Radical Painting all’interno della mostra antologica dedicata a Olivier Mosset), MAMCO, Genève (2020); #15, Galleria 1/9, Roma (2020). Attualmente vive e lavora a Sermugnano in provincia di Viterbo. È Accademico Nazionale Pittore di San Luca dal 2021.

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.