Mappa del Sito
News dall'accademia
28/apr/2017 - 28/apr/2017

IN SITU | EX SITU.
L’arte di esporre l’arte: relazioni nel contesto spaziale tra arte e architettura

La quinta giornata internazionale di studi dottorali del Rome Art History Network che avrà luogo il 27 e 28 aprile 2017 è organizzata in collaborazione con la University of Notre Dame, Rome Global Gateway e con l’Accademia Nazionale di San Luca.

In linea con le precedenti edizioni delle giornate dottorali RAHN, l’incontro affronta questioni di carattere metodologico, concentrandosi sul tema delle relazioni e delle strategie di disposizione spaziale delle opere d’arte e d’architettura all’interno o all’esterno degli ambienti originari. Un importante fulcro della riflessione sarà il significato stesso del concetto di “appartenenza” dell’opera ad un sito. In che modo si altera, infatti, la percezione di un’opera, o l’organicità e l’articolazione di un sistema architettonico, attraverso la manipolazione dei contesti spaziali originari? Quali nuovi significati assume l’opera a seguito di un cambio di sito? La de-contestualizzazione delle opere può “salvare” l’arte in casi critici o implica, oltre alla possibile perdita di valori formali, anche un’alterazione dei suoi contenuti?

IN SITU | EX SITU. L’arte di esporre l’arte: relazioni nel contesto spaziale tra arte e architettura, intende esplorare i diversi approcci da cui si esaminano oggi tali problematiche, strettamente connesse a questioni di tutela e valorizzazione, quanto mai attuali. Coinvolgendo dottorandi in Storia dell’Arte e dell’ Architettura, le giornate si articolano in sezioni tematiche: dalla nascita delle gallerie nel Seicento, alle esposizioni durante i regimi dittatoriali, fino alle strategie di conservazione dell’opera in momenti critici, ed ai complessi progetti architettonici ed allestimenti museografici per i grandi musei, come Bode Museum, Prado, Tate Britain, Uffizi ed altri.

La prima giornata, giovedì 27 aprile, si svolgerà a partire dalle ore 15.00 presso la University of Notre Dame, Rome Global Gateway.

La seconda giornata, venerdì 28 aprile, si apre alle 9.30 presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Dopo gli interventi dei dottorandi, introdotti da Francesco Moschini e Ariane Varela Braga, una tavola rotonda conclusiva moderata da Francesco Paolo Fiore accoglierà Pio Baldi, Pamela Bianchi, Ester Coen e Paolo Coen per un confronto aperto al pubblico sul tema delle relazioni tra contesto spaziale, arte ed architettura.

 

 

Edizione a cura di: Alina Aggujaro e Dario Beccarini

Ideazione delle giornate di studio RAHN: Ariane Varela Braga

info: www.romearthistorynetwork.com

 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.