Mappa del Sito
News dall'accademia
28/mar/2019 - 28/mar/2019

Incontro dedicato al
Restauro conservativo della Chiesa di Santa Maria del Priorato

Giovedì 28 marzo 2019 alle ore 17:00 presso Palazzo Carpegna, sede dell’Accademia Nazionale di San Luca, si terrà l'incontro sul recente restauro conservativo della Chiesa di Santa Maria del Priorato, che Giovanni Battista Piranesi rinnovò tra il 1764 e il 1766, unica opera architettonica realizzata dal Maestro veneziano. Un capolavoro assoluto che oggi ritrova luminosità e vigore grazie ai lavori di recupero  finanziati dall’Ordine dei Cavalieri di Malta e da Fondazione Roma. Introdotti e coordinati da Francesco Moschini, Segretario Generale dell’Accademia Nazionale di San Luca, interverranno Eugenio Ajroldi, Direttore delle Comunicazioni del Gran Magistero del Sovrano Ordine di Malta,  Giorgio Ferreri,  Architetto responsabile dei lavori di restauro della Chiesa, Donatella Fiorani, docente di restauro del Dipartimento di Storia, Disegno e Restauro dell'Architettura della Sapienza Università di Roma, Francesco Prosperetti, Dirigente Generale Soprintendente Speciale SS ABAP,  Francesco Scoppola, Direttore Generale Educazione e Ricerca - MiBACT, Paolo Portoghesi, Architetto Accademico Nazionale di San Luca.

 

Nel X secolo Alberico II donò il territorio dove sorge oggi la Villa e la chiesa all’abate Odone di Cluny, fondando un monastero benedettino fortificato. All’epoca era una delle chiese più importanti di Roma, annoverata al terzo posto tra le venti abbazie più belle. Il territorio passò poi all’Ordine dei Templari e, dopo il loro scioglimento nel 1312, all’Ordine degli Ospedalieri - l’attuale Ordine di Malta – che vi stabilii il proprio Priorato nel 1566.

Restaurata nel Cinquecento, la chiesa cambia volto quando nel 1764 il cardinale Giovanni Battista Rezzonico, Gran Priore dell’Ordine, e nipote di Papa Clemente XIII, commissiona il rinnovamento della chiesa, della villa Magistrale e della piazza antistante, a Giovanni Battista Piranesi, che pochi anni prima (1761) aveva dedicato alla nobile famiglia veneziana dei Rezzonico il trattato “Della Magnificenza ed Architettura dei Romani” nel quale esaltava il primato architettonico degli Etruschi e dei Romani. Piranesi, aiutato dal capomastro Giuseppe Pelosini, rafforzò i terrapieni del giardino, risistemò la villa e consolidò le fondazioni della chiesa cinquecentesca, rialzò i muri laterali, ristabilì la volta e progettò i decori per la sua nuova livrea. Non intervenne sulla volumetria della chiesa, che rimase sostanzialmente uguale a quella del Cinquecento, ma ripensò la distribuzione degli spazi interni con alcuni espedienti, per cui la chiesa, alla fine dei lavori, apparve profondamente mutata rispetto a quella originaria.

A due secoli e mezzo dalla sua realizzazione, questo capolavoro del Settecento romano ha ritrovato  in buona parte l’aspetto immaginato dal suo artefice. Un restauro iniziato nel 2017 e terminato alla fine del 2018 ha ridato luce all'esterno e all'interno della chiesa: le superfici sono state pulite, gli stucchi consolidati e, dove mancanti, ripristinati, le tenui campiture di colore recuperate e in qualche caso, come sulla facciata, riprese con leggere scialbature. L'intervento che ha ridato unità al monumento è stato progettato e diretto dell'architetto Giorgio Ferreri.

Oggi è finalmente possibile godere al meglio dunque degli splendidi dettagli dell'opera piranesiana. Le particolarità di tale restauro sono da individuarsi nell’unicità dell’edificio e nella eccezionalità del fatto che la chiesa è rimasta così come l’artista l’aveva realizzata proprio perché i pochi interventi eseguiti nel tempo non avevano alterato le superfici originali.

 

 

 

Altri riferimenti

 

video Nam

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.