Mappa del Sito
News dall'accademia
13/mag/2019 - 24/mag/2019

La cultura del progetto al servizio della vita quotidiana

Progetti selezionati di Pietro Aschieri (1889-1952) e Federico Gorio (1915-12007)

 

L’Accademia Nazionale di San Luca aderisce alla IX Giornata Nazionale degli Archivi di architettura promossa da AAAItalia, Associazione Nazionale Archivi Architettura Contemporanea, dedicata per l’edizione 2019 al tema “I luoghi del lavoro. Cantieri, produzione, servizi.

Presso la sala lettura della Biblioteca Accademica, situata al secondo piano di Palazzo Carpegna, sede dell’Accademia Nazionale di San Luca, dal 13 al 17 maggio 2019 e dal 20 al 23 maggio 2019, sarà in esposizione una piccola ma significativa selezione di elaborati e fotografie di Pietro Aschieri (1889-1952) e Federico Gorio (1915-2007). La mostra, presentata in occasione del tema della IX Giornata Nazionale degli Archivi di Architettura e promossa da AAA Italia, propone un percorso ideale all’interno della vita quotidiana dell’uomo, raccordando tra loro diverse occasioni progettuali – alcune realizzate, altre no – presenti nella ricca produzione architettonica di due maestri del novecento italiano.

A partire da una scuola-pilota (1966-1969), intesa da Gorio come luogo di produzione culturale e laboratorio educativo, si approda ad un teatro-albergo (1934), espressione per Aschieri di un’architettura attenta alle esigenze non solo degli spettatori, ma anche dei professionisti dell’arte. Continua la mostra un allevamento equino a Manziana (1960-1968), ai margini della città di Roma, progettato da Gorio insieme all’abitazione del committente, secondo un legame armonico che unisce la vita di tutti i giorni con i luoghi del lavoro; infine si chiude con i progetti per una stazione marittima di Napoli ad opera di Aschieri (1933-1934), attenti ad immaginare spazi eleganti che rispondano a criteri di funzionalità e rappresentatività.

I disegni e le fotografie, consultabili già sui siti www.fondoaschieri.org e www.fondogorio.org sono stati allestiti in un dialogo inedito che testimonia il costante impegno dell’Archivio del Moderno e del Contemporaneo dell’Accademia Nazionale di San Luca a intrecciare i numerosi dati derivanti dalla catalogazione e dallo studio del materiale conservato.

La mostra è curata da Alberto Coppo e rimane visitabile fino al 24 maggio 2019 in occasione del seminario "La grande bellezza, un racconto per immagini", che si terrà il 22 maggio presso l’Ordine degli Architetti di Roma per il ciclo di incontri “Archivi per l’architettura”.

L'Accademia Nazionale di San Luca è socio fondatore di AAAItalia, Associazione Nazionale Archivi Architettura Contemporanea.

 

 

Informazioni

Luogo: sala lettura della Biblioteca Accademica, secondo piano di Palazzo Carpegna

Apertura al pubblico: 13maggio - 24 maggio 2019

Giorni e orari: dal lunedì al venerdì, ore 9.00 - 13.00 

 

 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.