Mappa del Sito
News dall'accademia
27/nov/2019 - 27/nov/2019

Presentazione volume
Lo storico scellerato. Scritti su Manfredo Tafuri

 

Mercoledì 27 novembre 2019 alle ore 17:30 presso Palazzo Carpegna, sede dell’Accademia Nazionale di San Luca, si terrà la presentazione del volume Lo storico scellerato. Scritti su Manfredo Tafuri, a cura di Orazio Carpenzano, con Marco Pietrosanto e Donatella Scatena (Quodlibet Editore, 2019). Dopo i saluti istituzionali di Francesco Cellini e Francesco Moschini, coordinati da Carmen Andriani, interverranno Paolo PortoghesiLucio Valerio Barbera, Sergio Bracco, Giorgio Piccinato e Vieri Quilici. Saranno presenti i curatori e Giusi Maria Letizia Rapisarda.

Manfredo Tafuri (1935-1994) architetto e storico dell’architettura è stato una figura di riferimento nel dibattito architettonico e politico a partire dalle rivolte studentesche del ’63 e del ’68 dello scorso secolo. I suoi interessi storici, cui ha dedicato l’intera esistenza, hanno spaziato dall’architettura rinascimentale a quella contemporanea. L’intento del volume è quello di restituire l’attualità degli studi e la complessità del pensiero di Tafuri a venticinque anni dalla sua scomparsa. Quello che emerge è l’idea che la sua opera sia molto di più di una esplorazione dell’architettura in senso stretto, ma una lunga e ragionata riflessione sulla storia urbana dalla modernità ai nostri giorni. Il testo presentato all'Accademia di San Luca è composto da quattro sezioni. La prima parte, dal titolo "Letture e testimonianze. Il senso di un progetto storico" contiene gli interventi di molti tra coloro che hanno conosciuto Tafuri sin da studente nella facoltà di architettura di Roma. Orazio Carpenzano, oltre alla “regia” dello studio, ha scritto il testo di apertura dal titolo "Lo storico scellerato" che da’ il titolo anche a tutto il volume. La seconda parte "Il giovane Tafuri. Sintesi di una ricerca più ampia", è composta da interviste agli architetti che hanno fatto parte dell'AUA, come Enrico Fattinnanzi, insieme ad alcuni interventi più mirati di studiosi che inquadrano il periodo, il clima ed anche gli insegnamenti della Facoltà di Roma negli anni '60.

La terza parte, "Frammenti di una ricerca trasversale", raccoglie brevi saggi di ricercatori che per lo più non hanno conosciuto direttamente Tafuri ma che si sono misurati con i temi dei suoi scritti più conosciuti, come la rilettura di Contropiano, effettuata su indicazione di Giorgio Ciucci.

Infine la quarta parte è' una raccolta di progetti architettonici inediti, di documenti e fotografie mai pubblicate prima. Contiene una time-line, o per meglio dire una geografia personale di Manfredo Tafuri dove in senso cronologico sono individuate e raffigurate alcune delle "ossessioni" tafuriane tra cui opere architettoniche, personaggi della storia, intellettuali da lui conosciuti, libri, riviste, ecc.

 

Testi di: Gianni Accasto, Lucio Valerio Barbera, Angela Raffaella Bruni, Cinzia Capal­bo, Orazio Carpenzano, Enrico Fattinnanzi, Cherubino Gambardella, Andri Gerber, Alfonso Giancotti, Anna Giovannelli, Lina Malfona, Gabriele Milelli, Luca Montuori, Valerio Paolo Mosco, Alessandra Muntoni, Rocco Murro, Alfredo Passeri, Giorgio Piccinato, Marco Pietrosanto, Luca Porqueddu, Paolo Portoghesi, Franco Purini, Vieri Quilici, Manuela Raitano, Giusi Maria Letizia Rapisarda, Antonio Riondino, Federico Rosa, Piero Ostilio Rossi, Antonino Saggio, Donatella Scatena, Herman van Bergeijk.

 

 

 

Altri riferimenti

 

 

 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.