Mappa del Sito
News dall'accademia
20/gen/2011

Presentazione del volume
"Andrea Palladio. Unbuilt Venice"
di Antonio Foscari

Luogo: Accademia Nazionale di San Luca
Roma, piazza dell’Accademia di San Luca 77

 

ore 17,30

coordina
Francesco Moschini

presentano
Guido Beltramini, Howard Burns, Paolo Fiore, Pier Nicola Pagliara

 

Il libro di Antonio Foscari, Andrea Palladio. Unbuilt Venice (Lars Müller Publishers), ripercorre l'opera di Palladio esplorando nuove vie di ricerca. Una di queste, forse quella principale, è la “scoperta” dell’importanza e dell’imponenza delle architetture non religiose che Palladio avrebbe progettato e pensato per Venezia. L’autore, attraverso una innovativa ricognizione e interpretazione dei documenti pervenutici, analizza i progetti palladiani (una piazza, un immenso convento, palazzi) che, se realizzati, avrebbero mutato in modo radicale l’aspetto di Venezia. Foscari, infine, conducendo una nuova lettura dei documenti d’archivio ricostruisce il progetto elaborato da Palladio per un radicale “restauro” del Palazzo ducale a seguito dell'incendio che allo scadere del 1577 lo aveva in buona parte distrutto. Se il Palazzo ducale avesse assunto la forma delineata da Palladio, la vita del grande architetto si sarebbe conclusa con un’opera degna della sua indefessa attività creativa e sarebbe divenuta un caposaldo della architettura rinascimentale italiana. Nel corso del 2009, si sono svolte importanti mostre a Vicenza, a Londra, a Barcellona, a Madrid, a New York e a Washington per le celebrazioni del quinto centenario della nascita di Andrea Palladio (1508-1580). Palladio è l'architetto italiano che ha avuto la maggior influenza nella storia dell'architettura europea, russa e americana. Tale è l’importanza di Palladio per gli Stati Uniti d’America, che recentemente (6 dicembre 2010), il Congresso degli Stati Uniti d'America ha deliberato di riconoscere ad Andrea Palladio il ruolo di “padre dell'architettura Americana”.

 

L'AUTORE
Antonio Foscari, Professore di Storia dell'architettura allo IUAV di Venezia, ha avviato le sue ricerche su Andrea Palladio nel 1973, anno in cui ha condotto il restauro della villa costruita da Palladio, in Malcontenta, non lontano da Venezia. Presidente della Alliance Française di Venezia dal 1986 al 2009, ha ricevuto la Légion d'Honneur de la République Française, è stato nominato Chevalier de l'Ordre des Arts et des Lettres nel 1990, e fa parte del Consiglio di Amministrazione del Louvre dal 2005

I RELATORI
Francesco Moschini, Segretario Generale dell’Accademia Nazionale di San Luca, Professore Ordinario di Storia dell’Architettura al Politecnico di Bari.
Guido Beltramini, Direttore del Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio (CISA) di Vicenza.
Howard Burns, Professore Ordinario di Storia dell’Architettura alla Scuola Normale Superiore di Pisa e Presidente del Comitato Scientifico CISA.
Paolo Fiore, Professore Ordinario e Direttore del Dipartimento di Storia dell'Architettura presso l'Università “La Sapienza” di Roma e membro del Comitato Scientifico CISA.
Pier Nicola Pagliara, Professore Ordinario di Storia dell'Architettura presso l'Università di Architettura “RomaTre” di Roma e membro del Comitato Scientifico CISA.

 

Consulta il VIDEO sul Nam (Nuovo Archivio Multimediale)

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.